Condividi

forestale1Perugia, 27 novembre 2013 – Sanzioni amministrative per 370 mila euro e otto ditte denunciate all’autorita’ giudiziaria. E’ il bilancio di una attivita’ di controllo che dall’agosto scorso il corpo forestale ha attivato in tutta l’Umbria per verificare il corretto svolgimento delle attivita’ estrattive. L’attivita’ e’ tuttora in corso ed al momento risultano 48 le cave che sono state oggetto di verifica in regione, 40 dei quali in provincia di Perugia, principalmente nei comprensori eugubino-gualdese, spoletino e folignate. Nel perugino in sei casi sono stati riscontrati illeciti penali che hanno determinato la denuncia dei legali rappresentanti delle ditte. In due cave dello spoletino e’ stata accertata la mancanza dell’autorizzazione paesaggistica necessaria per effettuare l’attivita’ estrattiva.
Le altre fattispecie penali riscontrate hanno riguardato: illecita gestione dei rifiuti, scarico di acque reflue industriali senza autorizzazione, realizzazione di discarica abusiva, mancanza di autorizzazione paesaggistica ed edilizia per impianti di lavorazione del materiale estratto e deposito incontrollato di rifiuti speciali. Effettuati tre sequestri penali, riguardanti rifiuti, manufatti senza titolo edilizio, impianti di frantumazione e vagliatura. In provincia di Terni, invece, sono state 8 le cave controllate e due gli illeciti accertati con relative denunce a carico dei legali rappresentanti delle ditte: una per mancata tenuta del registro delle emissioni in atmosfera e l’altra per gestione illecita di rifiuti. Eseguito un sequestro preventivo.(AGI)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVoto al senato: Si alle decadenza, Silvio Berlusconi è fuori dal parlamento italiano
Prossimo articoloLiceo occupato a Palermo, genitori presentano esposto in Procura