Coronavirus, 41enne muore dopo tampone negativo: reparto infettato a Lavagna

Otto pazienti e 4 operatori sanitari dell’ospedale di Lavagna contagiati, l’intero reparto no Covid di Medicina sgomberato e sanificato, malati, medici e parenti increduli e sconcertati dopo la scoperta che un uomo di 41 anni con la polmonite bilaterale, ma negativo al tampone, è morto colpito dal virus senza che nessuno potesse prendere i necessari accorgimenti per la sicurezza (da Primocanale)

All’ospedale di Lavagna l’uomo era arrivato in gravi condizioni da casa, a Chiavari: qui era rimasto solo poco tempo, dopo essere stato dimesso dal reparto Covid di Sestri Levante. Il malato, originario di Canosa in Puglia e che a Chiavari aveva fatto il meccanico prima che un ictus lo rendesse disabile, era stato risultato negativo a due tamponi. Solo il terzo, fatto dopo la morte, ha rivelato che era positivo.

Subito dopo la scoperta della positività, la Asl4 ha verificato che il 41enne era stato a contatto di medici, infermieri e pazienti nel reparto di Medicina senza accorgimenti e ha fatto scattare il piano di emergenza. I parenti sono “sconcertati”, ha detto un operatore delle pompe funebri che si è occupato dei preparativi per il funerale. Solo l’insistenza del medico di famiglia aveva consentito di ricoverare l’uomo a Lavagna, dopo le dimissioni da Sestri Levante. Il malato aveva infatti difficoltà a respirare e il medico chiedeva esami che si potevano fare solo in ospedale.