Addio Mario, il carabiniere gentile: “sempre disponibile e pronto ad aiutare”. La testimonianza di chi lo ha conosciuto

Nelle scorse ore, a causa delle complicanze di una polmonite da Covid-19, è morto l’appuntato scelto Mario Soru

Mario era addetto al reparto servizi magistratura del Comando provinciale dei carabinieri di Milano. Lo fa sapere una nota di cordoglio dell’Arma.

“Il comandante generale e tutta l’Arma si stringono compatti intorno alla moglie e al figlio 18enne che ne piangono la perdita”, si legge nella nota.

Mario Soru, che avrebbe compiuto 53 anni il prossimo 29 aprile, era entrato nell’Arma nel 1993 ed era giunto al reparto servizi magistratura nel 2014, dopo aver trascorso un lungo periodo presso la Stazione carabinieri di Asso, in provincia di Como.

Precedentemente aveva prestato servizio presso quella di Varedo, in provincia di Monza Brianza, cui era stato destinato al termine della formazione militare presso la Scuola allievi carabinieri di Benevento. “Una vita dedicata al dovere, all’istituzione e soprattutto ai cittadini”, conclude la nota dell’Arma

“Gentile e disponibile anche con i giornalisti” – fa sapere Il Giorno – “che, in base alle disposizioni degli ultimi anni, al settimo piano non avrebbero potuto sostare: rispettoso delle esigenze e del lavoro di tutti, Soru, spesso bonariamente, “chiudeva un occhio””

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche