Coronavirus, i genitori del 38enne contagiato: “E’ gravissimo”

La prima volta che è andato in ospedale, il 38enne non ha riferito ai sanitari che aveva cenato con un amico rientrato da poco dalla Cina: “No, non si sapeva cosa avesse – ricorda la madre. – Solo quando è stato in sala di Rianimazione hanno iniziato ad avere dei sospetti e hanno fatto gli esami. E poi hanno continuato a fare domande su domande e la moglie ha detto ai medici di quella cena”. Noi “l’abbiamo intravisto perché non si poteva. Hanno fatto un’eccezione per noi, – aggiungono, – ma era meglio non vederlo”.

I genitori, a cui non sono stati ancora fatti i tamponi, spiegano “Noi stiamo bene, non abbiamo nessun sintomo. Ma non possiamo proprio dire che stiamo bene, è un’eresia. Ci hanno detto di non uscire e di non fare entrare nessuno. Devono ancora venire, quando non lo so […]. Quello che ci manca è un po’ più di informazione, il resto è eccellente”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche