Coronavirus, le urne delle vittime trasportare dall’esercito tornano a casa e la fattura è salata

Dopo l’ecatombe della Val Seriana arriva il conto ai parenti delle vittime.

I Comuni della Bergamasca, sui propri canali istituzionali, pubblicano le tariffe, con iva inclusa, applicate dalle città fuori dalla Lombardia che hanno eseguito il servizio di cremazione delle vittime del coronavirus, sottolineando che non sono richiesti costi di trasporto effettuati con mezzi militari.

In pratica, tutte le persone che sono state trasportate sui mezzi militari nel picco dell’emergenza per coronavirus nel bergamansco, tutti i familiari delle vittime di covid cremate, dovranno pagare per il servizio ricevuto. Molti parenti delle vittime si sono messi in contatto con dei gruppi su Facebook cercando di organizzarsi per opporsi. In uno dei gruppi, “Noi denunceremo” si afferma: «Le amministrazioni si interroghino su cosa fare: tanti di noi, senza più lavoro, hanno tumulato più cari».

Dopo settimane le ceneri dei cari sono tornate a casa ma con loro le fatture, anche se non tutti sono in grado di sostenere le spese funerarie. La Lombardia non riusciva a far fronte all’emergenza, visto il grande numero di morti, e le immagini delle salme nei mezzi militari hanno fatto il giro del mondo. Così in altri Comuni, come Novara, Padova, Bologna, Ferrara, Vicenza e Firenze, le salme sono state trasportate (con mezzi dell’esercito) e cremate. Le stesse autorità bergamasche invitano però a fare attenzione

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche