Coronavirus, muore carabiniere di 53 anni

Aveva 53 anni ed indossava la divisa dell’Arma dei Carabinieri.

E’ l’ennesima vittima del Coronavirus che, appena ieri, tra le fila delle Forze dell’ordine, ha strappato la vita ad una poliziotta sua coetanea.

Il suo nome era Massimiliano Maggi, maresciallo maggiore addetto alla stazione di La Spezia Principale. A comunicarlo, è la sua stessa amministrazione, via Twitter.

Massimiliano “Era padre modello di due ragazzi che oggi, nel giorno della festa dedicata ai papà, ne piangono la perdita”, racconta l’Arma – “la sua vita l’ha trascorsa dedicandola al servizio del suo Paese e alla sicurezza della acomunità affidata alla sua responsabilità”.

“Il Comandante generale e tutta l’Arma – si legge in una nota – si stringono compatti intorno alla famiglia, alla moglie e in particolare ai due figli, che nel giorno dedicato ai papà ne piangono la perdita. Un maresciallo che credeva profondamente nel proprio lavoro, in particolare nel ruolo fondamentale di prossimità alle comunità svolto dalle Stazioni Carabinieri. E proprio dai primi anni ’90, dopo il periodo di formazione, ha prevalentemente prestato servizio alla Stazione. Dal 2011 presso quella di La Spezia Principale”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, muore una poliziotta di 52 anni: “era una delle migliori, una di cui tutti si fidavano”

“Una vita dedicata semplicemente, eppur così straordinariamente – prosegue il Comando generale dell’Arma – al dovere, alle Istituzioni, all’umiltà di servire ogni giorno il suo Paese e la sicurezza della comunità affidata alla sua responsabilità, finché oggi il virus si è portato via il suo respiro per sempre. Aveva 53 anni”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche