Coronavirus, parla Borrelli: “Dovremo restare in casa per molte settimane”

Gli italiani resteranno a casa ancora per molte settimane. Non ha dubbi il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, che intervistato questa mattina su Radio Rai 1 ha affermato che non si debba allentare le misure di contenimento dell’infezione da Covid-19. “Non credo che passerà questa situazione per il 14 aprile, quindi dopo Pasquetta. Dovremo stare in casa per molte settimane, credo anche il primo maggio, e avere comportamenti rigorosissimi. Il virus cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze” per diverso tempo.
“Bisogna andare avanti con il massimo rigore – ha aggiunto intervenendo poi anche a Radio Capital -, anche la circolare esterna alla luce di quelli che sono stati i chiarimenti, di fatto non sposta i termini dei comportamenti, dobbiamo fare assolutamente attenzione per evitare di trovarci in una situazione nella quale ci sfugge nuovamente la catena dei contagi e ribadiamo che l’ora d’aria è una misura non ancora operativa e bisogna rispettare le regole di prudenza e stare in casa”.

LA SITUAZIONE ATTUALE

Borrelli ha inoltre confermato la situazione attuale è “sostanzialmente stazionaria. Gli esperti analizzano le curve dell’epidemia, io mi attengo ai fatti. Diminuiscono il numero dei nuovi ricoverati, di chi va in terapia intensiva, aumenta il numero totale dei guariti, aumenta in nuovo contenuto dei positivi e, in qualche modo, anche il numero dei deceduti cala rispetto a qualche giorno fa. E anche i nostri ospedali e i nostri medici possono tirare un attimo il fiato. Cresce anche il numero dei positivi che non hanno sintomi o pochi sintomi, mentre sono di meno coloro che vengono ospedalizzati”. Dunque, si prosegue con le misure adottate dal governo. Sul rapporto dell’esecutivo con le regioni, Borrelli ha aggiunto che “in ordinario la Sanità è una competenza che spetta alle regioni e sarebbe stato un guaio se governo e Protezione civile avessero preso ogni competenza, ma nel momento in cui c’è stata l’emergenza è dovuto intervenire il governo”. Sui test che molte regioni stanno portando avanti autonomamente ha concluso: “Bisogna dire quale è la direzione da seguire e i controlli da mettere in atto sulla base delle indicazioni che arriveranno dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Comitato tecnico-scientifico“.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche