Coronavirus, riparte la curva epidemica: 296 casi in un giorno.

ROMA. Spinta dai focolai sparsi per il Paese la curva epidemica torna salire, passando da 190 a 296 casi in un giorno, con la Lombardia che da sola continua a fare ancora più della metà dei nuovi contagi, con 170 nuovi positivi. Passano da 30 a 37 anche i decessi, mentre i tamponi sono 56mila, 3mila più di ieri.

Preoccupano i due focolai in Campania e a Bologna, che si avviano a superare complessivamente la soglia dei 100 contagi. A Mondragone, centro del casertano famoso per la mozzarella di bufale i positivi accertati al momento soni 49, tutti di nazionalità bulgara, tutti residenti nei Palazzi “ex Cirio”, dichiarati zona rossa dal GOVERNATORE DE LUCA CHE HA CHIESTO E OTTENUTO DALLA MAGISTRATURA LAMORGESE L’INTERVENTO DELL’ESERCITO PER FAR RISPETTARE IL PROVVEDIMENTO DI CHIUSURA. Sono invece 45 i casi fino ad ora individuati nel focolaio bolognese dell’azienda logistica Bartolini. I contagiati sono tutti operai, per uno solo dei quali è stato necessario ricorrere al ricovero.

Sono 4, uno in più di ieri, i casi accertati in Veneto dove si registrano anche due decessi.
Salgono intanto da 6 a 12 i nuovi casi nel Lazio, dove sono soltanto due quelli registrati a Roma, mentre nessun nuovo contagio viene segnalato dai focolai che si erano accesi nei giorni scorsi proprio nella Capitale.
Ancora un giorno con zero nuovi casi positivi al Covid accertati, 1.439 totali, e morti, 79, nell’ultimo giorno in Umbria. Registrato un nuovo guarito, 1.345, che fanno scendere da 16 a 15 gli attualmente positivi. Rimane stabile il dato dei ricoverati, quattro, uno in terapia intensiva.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche