Condividi

Pensioni, l’Inps rifiuta il 70% delle domande per l’assegno precoce e il 65% per l’Ape

Le domande per l’accesso all’Ape sociale e all’anticipo della pensione nel caso di lavoro precoce sono state rifiutate dall’Inps, l’istituto guidato da Tito Boeri, in quasi il 70% dei casi. Per le domande di anticipo per lavoro precoce nel caso di domande patrocinate dai patronati i rigetti sono stati del 70% mentre nel caso delle non patrocinate sono stati del 64%.

A dirlo in un’audizione alla Camera dei Deputati è il direttore generale dell’Istituto nazionale di previdenza sociale, Gabriella di Michele, che ha precisato che lo scorso 15 ottobre sono terminate le operazioni di verifica delle domande di certificazione per accedere alle due misure. In estrema sintesi, solo una domanda su tre dell’Ape sociale è stata accolta, mentre il 64,9% delle richieste è stato bocciato. Tra chi puntava alla pensione come lavoratore precoce soltanto il 28% ce l’ha fatta.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSalerno, anziana sfrattata si vendica: fa esplodere l'appartamento
Prossimo articoloRoberto Benigni, il patrimonio ai raggi X: possiede 21 abitazioni, 20 terreni e una maxi-villa