Covid19, pestato un Carabiniere addetto ai controlli su strada

Lesioni gravi per un Carabiniere. E’ successo a Siracusa.

Appena ha capito che sarebbe stato sanzionato per violazione delle misure anti covid19 ha prima provato a scappare e poi picchiato un carabiniere.

E’ stato arrestato con l’accusa di resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale e lesioni aggravate un polacco, disoccupato, residente a Siracusa.

Secondo la ricostruzione dei militari del Nucleo radiomobile e riportata da BlogSicilia, l’uomo si trovava nell’area di un parco del capoluogo, da solo, ma in evidente stato di ebbrezza.

Avrebbe alzato il gomito, non era pienamente in se e quando sono arrivati i carabinieri si sarebbe innervosito.

“Ha cercato di opporsi alla sua identificazione – dicono dal comando provinciale dei carabinieri di Siracusa – dapprima offendendo i carabinieri verbalmente e poi ha cercato di allontanarsi a piedi. Bloccato dagli stessi militari, si è quindi scagliato contro uno di loro strattonandolo energicamente e procurandogli escoriazioni ed ecchimosi multiple agli arti superiori”.

Nell’ambito dei controlli anti covid19, i carabinieri hanno sanzionato un cinquantenne che vive a Ferla, piccolo centro montano della provincia di Siracusa.

Si tratta di un recidivo, in quanto, stando alle informazioni fornite dalle forze dell’ordine, in altre occasioni l’uomo è stato trovato fuori dalla sua abitazione, senza alcuna giustificazione.

 

Per cui, i militari hanno emesso una sanzione salata, pari a 560 euro. A Siracusa sono state sorprese e sanzionate 5 persone che si aggiravano nella zona balneare di Fontane Bianche e quando sono state sentite hanno detto che non stavano facendo nulla di male.

A Portopalo di Capo Passero, è stata sanzionata una coppia, proveniente da un centro limitrofo, che ha dichiarato di trovarsi in quel Comune per acquistare dei prodotti caseari.

“I carabinieri, quotidianamente impegnati nel garantire la corretta osservanza delle misure di contenimento rammentano che è stato fatto divieto a tutti di circolare se non per “comprovate esigenze lavorative”, “assoluta urgenza” o “motivi di salute” fanno sapere dal comando provinciale dei carabinieri di Siracusa.