Condividi

Lʼallarme del premier del governo di accordo nazionale libico: “Potrebbero esserci criminali e jihadisti legati allʼIsis”. LʼOnu: “Da Haftar un colpo di Stato”

“La crisi in atto a Tripoli, con l’avanzata delle forze del generale Khalifa Haftar sulla capitale libica, potrebbe spingere 800mila migranti e libici, tra cui criminali e jihadisti legati all’Isis, verso l’Italia e le coste Ue”. E’ l’allarme lanciato dal premier del governo di accordo nazionale libico, Fayez al Sarraj. Il presidente del Consiglio Conte auspica intanto un cessate il fuoco immediato. “Le armi non sono la soluzione”

“Haftar bombarda gli ospedali” – Intervistato dal Corriere della Sera, Sarraj invita con forza a non mandare aiuti al generale Haftar: “Dice che sta attaccando i terroristi ma qui ci sono solo civili, sta bombardando anche ospedali e ambulanze”, ha detto. Dal suo ufficio di Tripoli, Sarraj ribadisce che “questa è una vera e propria guerra contro di noi, una guerra che ci è stata imposta”.

La salvezza dei civili – Il premier del governo di Salvezza nazionale sottolinea come le sue forze armate si staino solo difendendo dall’atto do aggression edi Haftar: “Noi difenderemo le nostre città, la guerra è ancora aperta e i combattimenti continuano. Noi ci auguriamo che la comunità internazionale operi al più presto per la salvezza dei civili”, ha detto al Corriere.

Ringraziamento all’Italia – Il premier ha poi ringraziato l’Italia per la sua mediazione e per aver tenuto aperta e funzionante l’ambasciata di Tripoli. Anche l’Onu contro Haftar – Intanto una prima risposta internazionale arriva dall’Onu: “Khalifa Haftar non sta compiendo un’operazione anti-terrorismo, ma un colpo di Stato”, ha detto l’inviato speciale dell’Onu in Libia, Ghassan Salamè, al programma radiofonico “R4” della BBC.

Nel frattempo scrive LiberoQuotidianoC’è lo zampino politico, diplomatico e ora anche militare della Francia nel caos scoppiato in Libia. Come spiega un dettagliato retroscena della Stampa, il governo di Emmanuel Macron aiuta il generale “ribelle” Haftar nel suo tentativo di conquistare Tripoli e rovesciare il governo ufficiale di Al Sarraj “con propri specialisti dispiegati sul suolo libico”. A riferirlo è stato un mercenario egiziano catturato durante i combattimenti. L’uomo ha detto di essersi imbarcato su un volo in partenza da Benina, aeroporto di Bengasi e diretto a Jufra. “Lo stesso dove erano a bordo 14 libici, 30 egiziani e sei consiglieri militari francesi”. Di fatto, una conferma di quanto trapelato negli ultimi giorni da fonti ufficiose vicine ai servizi segreti italiani e che hanno fatto sbottare anche il ministro degli Interni Matteo Salvini, che in dichiarazioni ufficiali ha parlato apertamente di “giochi di guerra” francesi in Libia, con conseguenze che saranno a carico non solo dei cittadini libici, ma anche di quelli italiani con la bomba-migranti già innescata. “

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Chi tocca i Carabinieri tocca noi persone oneste": il biglietto e i fiori dopo la strage di Foggia
Prossimo articoloNotre-Dame, crollati tetto e guglia. Le autorità: "Non resterà nulla". Fedeli pregano e si disperano in strada

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.