Condividi

Crolli in autostrada. “Cosa c’è veramente nel cemento armato usato in Italia”: la rivelazione dell’esperto. Dopo i crolli degli ultimi mesi, in tanti se lo domandano

Dopo i crolli degli ultimi mesi, in tanti si domandano: come è possibile che il cemento armato ceda? Risponde oggi sulla Stampa Mario Tozzi, geologo e divulgatore scientifico

Il 28 ottobre 2016 nel crollo di un cavalcavia della superstrada 36 a Lecco è morto Claudio Bertini di 68 anni. Ieri Emidio “Mimmo” Diomedi, 60 anni e la moglie Antonella Viviani, 54 sono morti schiacciati sotto il ponte crollato sull’autostrada A14 in provincia di Ancona.

Come è possibile che il cemento armato ceda in questo modo? Ci sono delle ragioni precise? Sui casi specifici sono in corso le indagini, che si preannunciano lunghe e complicate. Ma a queste domande risponde oggi sulla Stampa Mario Tozzi, geologo e divulgatore scientifico.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVIDEO: LA RIMONTA CHE ENTRA NELLA STORIA DEL CALCIO. BARCELLONA STELLARE PIEGA PSG
Prossimo articoloAttacco al cantiere Tav: pneumatici pieni di benzina contro poliziotti e carabinieri