Cane randagio si rifugia nel dormitorio universitario, ucciso dagli uomini dalla security

Pensava di essere al sicuro, spinto dall’istinto di sopravvivenza, forse cercava una casa il cucciolo di cane randagio purtroppo protagonista di questa vicenda.

Non era al sicuro il cucciolo, ma forse spinto dall’istinto di sopravvivenza, infiltratosi nel dormitorio universitario è invece andato incontro alla propria morte, il piccolo infatti è stato individuato dagli uomini della security i quali secondo i giornali non avrebbero avuto alcuna pietà uccidendolo a bastonate.

Eppure non aveva nulla che potesse far pensare a un pericolo – scrive leggo – era solo un cucciolo in cerca di casa. Il fatto è avvenuto all’università di Ankang, in Cina ed è stato denunciato da Peta Asia.

 

 

Le immagini fornite dall’associazione per i diritti degli animali e pubblicate da Asia Wire mostrano il cagnolino che giace morto sul pavimento del dormitorio, con i membri dello staff responsabili della sua morte raccolgono la carcassa in un sacchetto di plastica.

Gli studenti universitari che vivevano nel dormitorio hanno rivelato a Peta Asia che il cucciolo randagio «urlava in agonia per minuti» mentre veniva inseguito e ucciso nel corridoio.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche