Cultura, l’annuncio di Franceschini: “Basta tagli, presto assumeremo 1000 giovani

Cultura, l’annuncio di Franceschini: “Basta tagli, presto assumeremo 1000 giovani”

“La stagione dei tagli alla cultura è finita da tre anni”, dice il ministro dei Beni Culturali, che annuncia nuovi concorsi e assunzioni per un migliaio di giovani professionisti del settore“

Nel settore dei Beni Culturali, “non si fanno assunzioni da anni. Ma abbiamo finalmente invertito questa tendenza: stiamo finendo adesso un concorso per 500 archeologi, storici dell’arte, bibliotecari, archivisti e antropologi. Siamo riusciti a passare, con una norma, da 500 a 800 assunzioni, e io ho l’intento, a breve, di passare da 800 a mille“. E’ la promessa del ministro ai Beni Culturali, Dario Franceschini, intervenuto a Napoli all’apertura del primo festival italiano dello sviluppo sostenibile. Mille giovani di alta professionalità “arriveranno al Mibact. E’ una vera e propria boccata d’ossigeno – aggiunge il ministro – anche rispetto al fatto che all’università si sono moltiplicati i corsi sui beni culturali, creando a volte aspettative troppo alte”.

“STAGIONE DEI TAGLI FINITA 3 ANNI FA”

“La stagione dei tagli alla cultura è finita da tre anni. Il bilancio del mio ministero è aumentato del 40% e le risorse per gli investimenti sui beni cultuali sono passate da 40 milioni a 2 miliardi”, afferma il ministro ai Beni Culturali. “Mi pare – aggiunge Franceschini- che complessivamente il parlamento abbia capito che investire in cultura sia un dovere costituzionale ma anche una grande condizione sia per la crescita economica sia per favorire la conoscenza e diminuire le disuguaglianze.

Tutte queste cose si possono fare adempiendo all’articolo 9 della Costituzione. E noi lo stiamo facendo”. Franceschini ricorda l’approvazione del “piano strategico per il turismo che sarà valido per i prossimi 5 anni. E’ un lavoro – sottolinea – fatto con le organizzazioni private che si occupano di turismo e che in parlamento ha avuto una larga condivisione.



Potrebbero interessarti anche