Condividi

Quando il neurochirurgo Daniel McNeely, dell’IWK Health Centre di Halifax, in Canada, si è trovato davanti alla richiesta del piccolo paziente Jackson McKie,

di soli otto anni, che prima di essere operato perché affetto da idrocefalo (un accumulo di liquido cerebrospinale) voleva che fosse curato il suo orsetto del cuore, non ha potuto dire di no.

Sia il peluche che il piccolo sono così finiti sul tavolo operatorio, un modo per alleviare la tensione del bimbo e confortarlo in vista dell’intervento.

A raccontare la vicenda la Cbc Canada e anche lo stesso chirurgo sul suo profilo Twitter. A Little Baby, questo il nome dell’orsetto che accompagna Jackson sin dalla nascita,

è stato diagnosticato uno strappo in corrispondenza dell’ascella, che è stato ricucito subito dopo che l’operazione del bambino era stata conclusa,

‘assicurandosi’ che il peluche avesse ossigeno con una maschera e monitorando gli organi vitali.

Mentre il piccolo era lì per riparare un tubo cavo posizionato chirurgicamente nel cervello per aiutare a drenare il liquido cerebrospinale.

Entrambe le operazioni sono andate a buon fine e i due inseparabili amici sono ora in fase di recupero.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl viceprefetto Giorgio De Francesco schiacciato e ucciso da un pullman nel centro di Roma
Prossimo articoloRonaldo: legale dell'accusatrice, perse le prove del presunto stupro