Condividi

Alle 14:30 si è conclusa l’autopsia sul cadavere di Davide Astori, il capitano della Fiorentina stroncato da un malore domenica.

L’esame conferma l’ipotesi di morte per cause naturali. Il procuratore capo della Repubblica di Udine

In base alle evidenze dell’esame autoptico effettuato in data 6 marzo 2018 sul cadavere di Astori Davide Giacomo, in riferimento alla causa di morte, la si può indicare come causa di morte cardiaca, senza evidenze macroscopiche, verosimilmente su base bradiaritmica, con spiccata congestione poliviscerale ed edema polmonare. Per la diagnosi definitiva, sono necessari approfonditi esami istologici“.

È questo l’esito dell’autopsia eseguita sul corpo di Davide Astori, capitano della Fiorentina morto nella notte tra sabato e domenica a Udine

 

Davide Astori morto in albergo

Il 31enne era in stanza da solo in un albergo a Udine dove nel pomeriggio di domenica la fiorentina avrebbe dovuto confrontarsi in campo con l’Udinese.

L’ultimo compagno ad avere visto in vita il capitano della Viole è stato il portiere Marco Sportiello: “Di solito era sempre il primo a scendere il giorno della partita.

Non vedendolo sono andati a controllare e purtroppo un massaggiatore lo ha trovato senza vita in camera”.

Visibilmente commossi i compagni di squadra, assieme allo staff tecnico guidato da mister Stefano Pioli, hanno appeso due maglie, dei fiori e un poster con le proprie dediche al compagno scomparso. Un momento toccante seguito da uno scrosciante applauso.

 

 

Domani, mercoledì 7 marzo, verrà allestita la camera ardente al centro tecnico di Coverciano, mentre i funerali sono in programma giovedì alle 10 nella Basilica di Santa Croce a Firenze.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAnziana colta da malore in casa: poliziotto si frattura una gamba per soccorrerla
Prossimo articoloBonus casa: la lista di tutte le detrazioni del 2018 per risparmiare