Condividi

“ASSISTENTE CAPO NAZARIO DI MAURO, UN EROE DEI NOSTRI TEMPI”. Una storia raccontata dalla pagina “Storie di Polizia Penitenziaria

Genova – “Oggi sono andato al centro commerciale FIUMARA con la mia famiglia – riferisce Di Mauro – e dopo aver comprato quello che ci serviva stavamo andando a prendere la macchina per andare via quando vedo un gruppo di ragazzi di una quindicina d’anni che discutevano con un marocchino 30enne – spiega il nostro –

capito “l’antifona” ho chiamato uno di questi ragazzi per farmi spiegare l’accaduto e mi raccontava che il marocchino aveva sottratto un marsupio a un di loro con dentro cellulare, portafogli e chiavi di casa e lo avevo nascosto nella sua borsa.

Questi ragazzi chiedevano animatamente di far vedere loro nella borsa ma lui voleva portarli in un luogo isolato forse per derubare glia altri.

 

Risultati immagini per poliziotto penitenziario

 

Preso dal senso del dovere – racconta il collega – mi sono qualificato come agente di polizia e gli ho chiesto di aprire la borsa….dopo diversi rifiuti e al vedere dei miei occhi rossi di rabbia finalmente ha aperto la borsa e dentro guarda caso c’era il marsupio di uno di questi ragazzi che felice di averlo riavuto non sapeva come ringraziarmi.

Chiamata la volante il marocchino è stato tradotto in centrale ma la cosa più bella è stata sentire mia figlia dire: PAPA’ SEI UN EROE!!! con gli occhi pieni di fierezza. ORGOGLIOSO DI ESSERE UN POLIZIOTTO E DI AVER AIUTATO QUEI RAGAZZI CHE POTEVANO ESSERE FIGLI NOSTRI”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteToni Capuozzo, la verità sugli immigrati: "Su 67 solo uno proveniva da un Paese in guerra. E Romano Prodi..."
Prossimo articoloAccoltella due volte lo stesso poliziotto: era stato espulso. L'ira di Salvini "Cosa gli faremo..."