Condividi

Carcere di Firenze Sollicciano: una nuova grave aggressione agli agenti di polizia penitenziaria. Ma nessuno ne parla

Ennesima giornata di violenza negli istituti penitenziari, questa volta è accaduta nel carcere fiorentino di Sollicciano, dove un detenuto straniero, per futili motivi ovvero incomprensibili, ha dapprima spaccato letteralmente la testa con uno sgabello a un Agente di Polizia Penitenziaria e successivamente ha aggredito a pugni un altro Agente.

Soltanto l’intervento di altri Agenti in servizio ha evitato peggiori conseguenze soprattutto per il personale di Polizia Penitenziaria già aggredito in precedenza dal detenuto. A darne notizia è Leo Beneduci, Segretario Generale dell’O.S.A.P.P Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria), che aggiunge: ” Aggressioni, aggressioni, ancora aggressioni.

I numeri se non sono da bollettino da guerra, destano grande preoccupazione. Ma ormai sappiamo quali sono le priorità delle Autorità politiche del Dicastero: tutte tranne la polizia penitenziaria”.

Conclude Beneduci: “E mentre l’estate in carcere si preannuncia più torrida di quella meteorologica, gli agenti continuano ad essere mandati all’ospedale a seguito di aggressioni di detenuti, verso i quali il regime disciplinari è rimasto un lontano ricordo rimasto “lettera morta” nientemeno che nell’ordinamento penitenziario.

Chiediamo – dice Beneduci – immediati provvedimenti atti a ripristinare l’ordine e la sicurezza negli Istituti Penitenziari, che tutti conosciamo ma che evidentemente ai vertici politici e del Dap fanno finta di non conoscere.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteGli agenti gli salvano la vita: adesso diventerà la mascotte dei poliziotti
Prossimo articoloTrovano un portafoglio con 42mila euro: non ci pensano due volte e vanno subito dai Carabinieri

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.