Condividi

Ha sputato in faccia a un agente della penitenziaria, perché non voleva rientrare in cella, al termine del momento di socialità.. Un gesto già di per sé condannabile, che lo diventa ancora di più, se si tiene conto che il protagonista: un detenuto di 50 anni, I.S., originario di Genova, è affetto da una grave forma di epatite e il poliziotto, un assistente capo, dovrà ora seguire un mese di terapia, nella speranza di non aver contratto la malattia.

Leggi anche:  Il serial killer Donato Bilancia, scortato in permesso premio sulla tomba della madre

L’episodio è avvenuto, ieri, nel carcere di valle Armea, a Sanremo, in provincia di Imperia, dove il detenuto sta scontando una pena definitiva per reati di spaccio tutti commessi nel capoluogo ligure. L’uomo, che ha anche precedenti specifici, non è infatti la prima volta che aggredisce un agente della penitenziaria ed è considerato soggetto pericoloso, a causa di alcune turbe psichiche che lo rendono emotivamente instabile.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Non ideone al concorso Carabinieri" per un tatuaggio: il Tar ordina nuova visita
Prossimo articoloEspulso un Imam: "Vi uccideremo ​e mangeremo i vostri cadaveri"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.