Condividi

Con un pugno ha mandato in frantumi la porta a vetri della sala d’aspetto della caserma dei carabinieri dove era stato condotto per accertamenti. Un gesto che lo ha portato a processo, ma che è finito con una inattesa assoluzione. È successo ad Avezzano, dove un nordafricano ha dato in escandescenze dopo essere stato condotto in caserma. Lo riporta il quotidiano abruzzese Il Centro.

Il gesto del marocchino è stato frutto di una crisi di nervi

Secondo il giudice del tribunale di Avezzano, Marco Sgattoni, il gesto di Tebba Abdennaji, un marocchino di 35 anni finito nei guai con l’accusa di danneggiamento, «è stato il frutto della reazione immediata seppur eccessiva alle informazioni apprese dai carabinieri riguardo all’esito dei controlli a cui sarebbe conseguita la denuncia per il reato di clandestinità e l’espulsione dal territorio nazionale».

Il maghrebino è stato quindi assolto perché il fatto non è punibile per particolare tenuità. Il marocchino, che non aveva a suo carico precedenti penali, era difeso dagli avvocati Luca e Pasquale Motta. Per lui è comunque scattato il provvedimento di rimpatrio perché i propri documenti, secondo quanto previsto dalla legge, non erano in regola.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePer curare il ladro lo stato ha speso 100mila euro, per Francesco, ucciso in servizio ancora nessuna giustizia
Prossimo articoloNave fantasma riappare dopo quasi 10 anni senza equipaggio: era scomparsa nel 2009