Dichiarazione dei redditi 2017, la mensa e le gite scolastiche sono detraibili

Nel prossimo modello 730, quello della stagione dichiarativa 2017, sarà possibile detrarre i costi sostenuti per la mensa e le gite scolastiche. Lo prevede la circolare-guida sul visto di conformità per il prossimo 730 frutto del lavoro dell’Agenzia delle Entrate e della Consulta dei Caf che uscirà tra questo pomeriggio e domani. La circolare stabilisce infatti che la detrazione pari al 19% già prevista per le spese di frequenza scolastica venga estesa anche ai costi per la mensa, ai servizi integrativi come il pre e post scuola e l’assistenza al pasto.

L’Agenzia dà anche l’ok alla detrazione sulle spese per le gite scolastiche, l’assicurazione della scuola e ogni altro contributo scolastico finalizzato all’ampliamento dell’offerta formativa, come corsi di lingua e di teatro. Rientrano tra le spese di istruzione universitaria agevolabili, e beneficiano della relativa detrazione, quelle sostenute per la frequenza di Istituti tecnici superiori. Per lo stesso motivo, gli studenti degli Its hanno diritto a usufruire anche della detrazione per canoni di locazione.

Fra le altre novità sugli sconti fiscali in vista del 730 del 2017, la circolare-guida dell’Agenzia delle Entrate e della Consulta dei Caf porta buone notizie anche per quanto riguarda i contributi previdenziali versati per le badanti: «potranno essere dedotti anche nel caso in cui la persona addetta all’assistenza sia stata assunta tramite un’agenzia interinale e il contribuente li abbia quindi rimborsati all’agenzia stessa, a patto che quest’ultima rilasci un’idonea certificazione», si legge nella nota delle Entrate.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche