Dilaga la protesta in Usa. Ucciso un agente a Oakland, un manifestante muore a Detroit

Manifestazioni antirazziste per il caso George Floyd. Il Pentagono è pronto a inviare la polizia militare. L’arresto del poliziotto, accusato di omicidio preterintenzionale per la morte dell’afroamericano, non placa le tensioni.

Nel frattempo, un agente del Servizio di protezione federale di Oakland, in California, è stato ucciso e un altro è rimasto ferito a colpi d’arma da fuoco nelle proteste per la morte di George Floyd, l’afroamericano morto lunedì scorso a 46 anni sotto il ginocchio dell’agente Derek Chauvin. Lo riporta la CNN.

L’ufficio dell’FBI San Francisco e il dipartimento di polizia di Oakland però stanno indagando anche in altre direzioni.

Chad Wolf, segretario ad interim della sicurezza nazionale, ha affermato che gli agenti erano impiegati a contratto per proteggere gli edifici federali durante la manifestazione in centro e che la sparatoria potrebbe non essere collegata alle manifestazioni.

“Recentemente abbiamo assistito a un vero e proprio assalto alla nostra comunità delle forze dell’ordine”, ha dichiarato Wolf in una conferenza stampa sabato. “L’altra sera ad Oakland, in California, un assassino ha sparato codardamente a due agenti”

LEGGI ANCHE: Alabama, poliziotti si dissociano dai colleghi di Minneapolis: “hanno macchiato la divisa, non ci rappresentano”

Foto di San Francisco Chronicle – www.sfchronicle.com

Chi è l’agente ucciso

La vittima si chiamava Patrick Underwood, aveva 53 anni ed era originario di Pinole, in California.

Il 53enne lavorava per il Dipartimento della Sicurezza Nazionale da nove anni. Sua sorella, Angela Underwood Jacobs, ha confermato che Patrick è morto venerdì sera.

Angela ha parlato del fatto sulla sua pagina Facebook dicendo: “Mio fratello, Dave Patrick Underwood, un ufficiale federale, è stato assassinato il 29/05/20 a Oakland in California, mentre era in servizio durante i disordini. Questa violenza deve fermarsi”.

 

La situazione

Almeno 7.500 persone sono scese nelle strade della città per manifestare, ha riferito il dipartimento di polizia di Oakland alla Cnn. “Due agenti dei Servizi di protezione federale di stanza all’edificio federale di Oakland Down Town hanno subito ferite da arma da fuoco. Sfortunatamente, uno non ce l’ha fatta”, ha detto il dipartimento di polizia.

Il servizio federale di protezione, che rientra nel dipartimento di sicurezza nazionale, fornisce servizi di sicurezza e di contrasto presso le strutture del governo degli Stati Uniti.

Nelle scorse ore un ragazzo di 19 anni ucciso a Detroit, vicino a un grande raduno di manifestanti a Cadillac Square.

LEGGI ANCHE: Pestaggi, denti rotti e sparatorie: gli assassini di George Floyd avevano precedenti per violenza
LEGGI ANCHE:
Minneapolis “George Floyd e il poliziotto si conoscevano già”

LEGGI ANCHE: “Famiglia devastata”. Moglie del poliziotto arrestato a Minneapolis in lacrime annuncia il divorzio