Condividi

Aveva chiesto e ottenuto permessi e congedi straordinari retribuiti per poter assistere lo zio disabile. Ma quando l’uomo, gravemente malato, è morto, si è scoperto che lei, un dirigente medico di un ospedale nel bolognese, era alle Cayman con il marito. La donna – scrive tgcom24 – è stata denunciata dalla guardia di finanza per truffa ai danni dello Stato. Con la denuncia è arrivato anche il licenziamento. I permessi le erano stati concessi tra il 2016 e il 2018, in coincidenza con ricoveri del parente . Ma le verifiche in un’agenzia di viaggi e alcune testimonianze hanno consentito di accertare che nel 2018, tra marzo e giugno, la donna aveva utilizzato venti giorni di congedo straordinario, nei quali avrebbe dovuto assistere lo zio malato, per andare in vacanza.

Nei guai è finito anche il marito, che avrebbe tentato di salvare la moglie in extremis rilasciando un certificato medico falso. Le fiamme gialle lo hanno quindi accusato di truffa e falso ideologico. I risultati dell’indagine saranno segnalati alla Procura della Corte dei conti, che farà i conteggi per il danno erariale.

Licenziata il dirigente medico dell’ospedale. Lo riferisce l’Ausl di Bologna, che nell’estate 2018, “ha avviato da subito un procedimento disciplinare nei confronti della dottoressa, sulla base delle gravi inadempienze rilevate, e nei confronti del marito, anch’egli medico”.

Contemporaneamente è stata segnalata la vicenda alla Procura di Bologna, “collaborando strettamente, nel corso delle relative indagini, con la guardia di finanza”. “Il procedimento disciplinare – si spiega – stante la gravità delle responsabilità accertate in capo alla dottoressa, si è concluso con un provvedimento di licenziamento senza preavviso, con decorrenza 3 dicembre 2018”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAgente spara e uccide giovane per difendere collega dalle coltellate durante un tso. Dal Secolo XIX "poliziotto a processo"
Prossimo articoloPadova, scontri tra centri sociali e Polizia

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.