Condividi

Manifestazione antifascista, picchiato un disabile con la bandiera tricolore sulle spalle

Nella giornata di ieri, la città di Genova è stata impegnata in una grossa manifestazione antifascista, annunciata da tempo e che ha coinvolto circa 5mila partecipanti da tutta italia e diverse centinaia di uomini delle Forze dell’Ordine tra Reparti Mobili e Battaglioni dei Carabinieri specializzati in ordine pubblico, squadre digos, scientifiche, polizie locali per la viabilità e via dicendo.

Nonostante le pessime notizie da Macerata, però, le Forze dell’Ordine sono riuscite a contenere qualsiasi intento bellicoso degli Antifa.

 

 

Purtroppo però, un drappello, fortunatamente costituito da poche decine di teste calde (per non dire peggio), secondo quanto riportato dai quotidiani locali, a metà corteo si sarebbe staccato dal fiume di compagni danneggiando vetrine e tentando di provocare le forze dell’ordine.

Il servizio d’ordine interno al corteo è intervenuto velocemente.

E’ però di queste ore una notizia ancor più sconcertante, riportata da GenovaQuotidiana e che riportiamo di seguito

 

Risultati immagini per manifestazione antifa genova

 

Un gruppo di manifestanti a volto coperto, forse gli stessi che hanno sfasciato le vetrine e hanno tirato petardi alle forze di polizia in via Montevideo, ha picchiato un ventenne con problemi psichici in piazza della Vittoria.

Avrebbe scambiato il giovane per un provocatore di estrema destra perché era vestito con abiti mimetici e aveva addosso una bandiera tricolore.

A costoro è sembrata, forse, un’allusione a quanto avvenuto a Macerata, dove un estremista di destra vestito con una giacca mimetica ha sparato e ha ferito 6 africani, quindi si è buttato sulle spalle una bandiera tricolore, è salito si un monumento ai caduti e ha fatto il saluto romano urlando viva l’Italia.

Risultati immagini per manifestazione antifa genova
Il ragazzo genovese, invece, soffre di disturbi ossessivi e nulla sapeva dell’accaduto. Ha rifiutato di togliere la bandiera dalle spalle ed è stato aggredito.

È stato trasportato al Galliera a causa dei colpi alla testa, al volto e a un ginocchio, forse inferti con un manganello da uno degli aggressori che avrebbe agito a volto coperto.

Medicato con cinque punti alla testa, è stato sottoposto anche a Tac.

Tutti i problemi creati nel corso del corteo sarebbero attribuibili a un ristretto gruppo di una decina di persone che ora la Digos sta cercando di individuare. Il servizio d’ordine del corteo è dovuto intervenire più volte per tentare di contenere i violenti

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCi sono stati violenti scontri tra migranti a Calais: 22 persone sono ferite, 4 sono in condizioni molto gravi
Prossimo articoloDramma in Centro Italia. Si stacca una valanga, morti due sciatori. Ricerche in corso