Condividi

“I criminali che uccidono i nostri poliziotti dovrebbero avere la pena di morte”. Secondo quanto riportato dal quotidiano Leggo, questo sarebbe un passaggio del discorso che Donald Trump durante la 37esima edizione della cerimonia per ricordare gli agenti caduti in servizio.

“Non lasceremo che accadano cose brutte alla nostra polizia. Riteniamo che i criminali che uccidono i nostri agenti dovrebbero avere la pena di morte” avrebbe detto in quell’occasione, chiamando i caduti in servizio “eroi che hanno dato la vita”

 

Commentando i contesti locali, lo stesso aveva detto “Dobbiamo porre fine agli attacchi nei confronti delle nostre forze dell’ordine e dobbiamo farlo ora. Ho dato disposizione affinché il Dipartimento della Giustizia faccia tutto ciò che è in suo potere per difendere le vite”.

Va tenuto conto che negli ultimi anni, negli USA, soprattutto in alcune zone del Sud, i rapporti tra cittadinanza e polizia, da alcuni attivisti e altri media ritenuti troppo violenta, si sono fatti sempre più aspri.

“Questa amministrazione – aveva affermato sempre secondo il quiotidiano – ha una policy molto chiara: proteggeremo coloro che proteggono noi che fanno un lavoro straordinario per tenerci al sicuro. Se vogliamo eliminare i crimini violenti, dobbiamo schierarci con la nostra polizia”

 

E aconra “Dobbiamo contrastare e condannare il pericoloso pregiudizio anti-polizia. Dobbiamo mostrare apprezzamento, gratitudine e rispetto per coloro che vigilano sulle nostre strade e sorvegliano le nostre comunità”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMarcia No Tav: grossi petardi e bombe carta contro le Forze dell'Ordine
Prossimo articoloAncora violenze contro le forze dell'ordine: spezza un braccio a un Carabiniere in servizio

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.