Condividi

Purtroppo ancora una volta dobbiamo annunciare suicidi tra le forze dell’ordine: ben due, entrambi agenti di polizia locale

A riportare la notizia sono i giornali locali.

Si tratta di un sovrintendente 62enne di Bologna che prestava servizio presso la procura.
Secondo quanto si è appreso, si sarebbe tolto la vita nella consueta modalità: con la pistola d’ordinanza

Il fatto p avvenuto nel bagno del comando di via Enzo Ferrari, pare – per “motivi personali”.

A trovare l’uomo, 62 anni – ci racconta Il Resto del Carlino – in servizio alla polizia giudiziaria della Procura, sono stati i colleghi intorno alle 17. A quanto pare si sarebbe sparato con la pistola d’ordinanza per motivi personali.

Degli accertamenti si sono occupati i colleghi della municipale con l’ausilio della Scientifica della polizia, coordinati dalla pm Antonella Scandellari, che non ha disposto l’autopsia.

 

 

Episodio analogo anche a Napoli, dove proprio nelle stesse ore si è tolto la vita un altro agente, anche in questo caso di Polizia Locale e quasi coetaneo (60 anni), nei pressi della chiesa di San Vitale, nel quartiere Fuorigrotta di Napoli.

L’uomo – secondo quanto riporta Repubblica – era uscito di casa per recarsi al lavoro. A scoprire il cadavere, riverso al suolo, un fedele che si stava recando a messa.

Sul posto è giunto il comandante della polizia municipale, Ciro Esposito. Il vigile era sposato. Ignoti al momento i motivi del suicidio. Sulla vicenda indagano i carabinieri

Secondo le prime notizie, anche in questo caso sarebbe stata utilizzata l’arma di servizio

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMorto bimbo di 17 mesi lasciato per ore in auto sotto il sole
Prossimo articoloCarabiniere investito e ucciso in servizio. Salvo il collega, grave un uomo