Condividi

L’evasometro è pronto a colpire. In assenza di indicazioni chiare da parte del governo – la crisi di questi giorni non aiuta certo a rasserenare il quadro – l’Agenzia delle Entrate è andata avanti da sola.

O, meglio, ha rafforzato le proprie armi contro l’evasione fiscale, avviando – ecco la novità – la sperimentazione anche sulle persone fisiche dei controlli incrociati tra movimenti bancari (saldi mensili e annuali) e le dichiarazioni.

Insomma, tra quanto effettivamente speso, come evidenziato nel conto corrente di ciascun cittadino, e quanto poi invece messo nero su bianco sul modello Redditi o sul 730.

Si tratta, come risulta al Messaggero, di una sperimentazione partita all’inizio di agosto in maniera soft per affinare lo strumento che, potenzialmente, è in grado di scovare i “furbetti” in maniera selettiva e con margini di errore davvero modesti. E che è verosimilmente destinata ad andare a regime con l’avvento del nuovo esecutivo.

Nel frattempo il fisco ha annunciato 800mila cartelle esattoriali

Terminata la sospensione di Ferragosto concessa dall’Agenzia delle entrate-riscossione d’intesa con gli operatori postali che di fatto, dal 10 al 25 agosto, ha bloccato l’invio di 798.611 cartelle di pagamento, si riparte da lunedì 26 agosto con la notifica degli atti che altrimenti sarebbero stati altrimenti recapitati nelle due settimane centrali del mese generando inevitabilmente disagi ai contribuenti in vacanza.

LEGGI ANCHE: Fisco. In arrivo 800 mila cartelle di pagamento

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFisco. In arrivo 800 mila cartelle di pagamento
Prossimo articoloMostra il dito medio alla Polizia: "faccio il c... che voglio". Arrestato

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.