Condividi

Codacons: “Vietato fumare in spiaggia, le sigarette inquinano più delle auto”

Le multe in spiaggia fino a 300 euro per chi butta i mozziconi per terra «sono un bene ma non basta» si deve estendere «il divieto di fumo sugli arenili su tutto il territorio italiano» perchè la «spiaggia è spazio aperto ma le persone sono concentrate in pochissimi metri quadrati» e quindi «va salvaguardata la salute dei cittadini». A chiederlo è il Codacons che «da anni si batte al fine di richiedere al Legislatore e a tutti i Comuni interessati» l’estensione del divieto di fumo anche sulle spiagge nazionali.

«Con le nuove normative -spiega l’associazione dei consumatori- è già stato esteso il divieto di fumo in auto, in sosta o in movimento, ed in presenza di donne in stato di gravidanza e in alcuni casi anche all’aperto, nelle ‘pertinenze esterne delle strutture universitarie ospedaliere, presidi ospedalieri e Irccs pediatrici e alle pertinenze esterne dei reparti di ginecologia e ostetricia, neonatologia e pediatria delle strutture universitarie ospedaliere e dei presidi ospedalieri e degli Irccs’».

Per il Codacons quindi «i tempi sono maturi per seguire l’esempio di alcune amministrazioni locali che già sono intervenute sul punto estendendo il divieto di fumo anche sulle spiagge, dove ricerche scientifiche, come quella svolta dai ricercatori dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano sulla spiaggia di Bibione, prima località balneare italiana ad avere bandito nel 2014 il fumo sulla battigia, hanno avuto risultati tanto significativi quanto incredibili».

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl tempo per indossare la divisa va retribuito, riconosciuti gli arretrati
Prossimo articoloPerdere 10 Kg, la dieta consigliata dal cardiologo