Condividi

Genova – Senza una casa, separati dai loro padroni o dispersi. La macchina dei soccorsi a ponte Morandi si muove anche per i cani e i gatti di famiglia dei circa 600 sfollati. La situazione è spiegata nel dettaglio in un articolo de Il Secolo XIX di Annissa Defilippi:

“Stiamo unendo le forze al fine di poter essere il più efficienti possibile – spiega la volontaria Veronica Venezia, coordinatrice dei soccorsi animali – è importante che i cittadini sappiano a chi rivolgersi senza imbattersi in annunci falsi o donando su PostePay sospette, chiediamo cibo non soldi”.

Non si sa al momento quanti animali (non solo cani e gatti ma anche uccellini e tartarughe) siano rimasti negli appartamenti della “zona rossa” , ma nelle prossime ore potrebbero aumentare la necessità di stalli e affidi temporanei. Per fare fronte a questa evenienza l’associazione Vero amore ha riunito i contatti utili per le richieste e per chi volesse mettersi a disposizione: «Abbiamo consegnato a una volontaria due mici di un signore ospitato in un hotel dove gli animali non sono ammessi – continua Veronica Venezia – i cittadini posso seguire gli aggiornamenti della situazione sulla nostra pagina Facebook dove pubblicheremo gli appelli e le richieste verificati».

Risultati immagini per gatti ponte morandi

Tra notizie fake di cani salvati dalle macerie e annunci falsi per stalli che girano sui social o tramite catene Whatsapp ecco i contatti verificati per chi ha bisogno di assistenza o per chi vuole dare una mano in questa emergenza che coinvolge anche gli amici a quattro zampe.

I numeri telefonici e i contatti cui rivolgersi

Per il soccorso e l’assistenza degli animali eventualmente feriti a Ponte Morandi si può contattare il dottor Pier Luigi Castelli della Lega del cane, tel. 347 82445518 o la dottoressa Enrica Valdi tel. 338 4634933. Per accogliere gli animali delle persone sfollate che non possono portarli con sé negli alberghi o nelle strutture di ricovero dove sono ospitate, contattare il Canile Municipale nella persona di Stefano Menti tel. 392 6372722. «Ci siamo attivati con il comune per affrontare l’emergenza – fa sapere Sara Rollero dell’associazione Una – il canile Monte Contessa ha messo a disposizione cinque box per chi avesse bisogno di sistemare temporaneamente i propri animali».

I cittadini che hanno bisogno di aiuto per il loro animali possono inoltre chiamare Elisabetta Scolaro dell’Oipa tel. 335 7117307 o la responsabile delle Guardie Zoofile di Genova, Giuliana Luppi tel. 346 9676947. Per l’emergenza si è attivata anche l’associazione Lav che ha diffuso come riferimento il numero di Daniela Filippi tel. 347 2330272, a disposizione anche Agriambeinte, risponde il rappresentante per Genova e Liguria, Francesco Moret tel. 393 5329281.

Raccolta cibo e donazioni

Per gli animali delle famiglie sfollate l’associazione Amore vero ha organizzato una raccolta cibo con diversi punti in città. Servono principalmente scatolette e crocchette per gatti. Il cibo si può portare in uno di questi negozi: Il Paradiso dei Cuccioli di Roberto Damico-Genova Via Napoli 147/C, Una Zampa Nel Cuore Via Ravecca 39/r, Fortesan – Piazza Piccapietra, Fortesan – via Pisacane, Fortesan – corso Europa, Fortesan – via Lungobisagno Istria, Fortesan – Via del Costo, Fortesan – Via Orsini, Passione Animale – Via Faliero Vezzani 48/r, Io e Loro – Corso Europa.

È importante specificare che il coordinamento non chiede invio di denaro né raccoglie soldi. I cittadini che si trovassero di fronte a richieste del genere possono denunciare il fatto alle forze dell’ordine. Sui social l’evento ufficiale aggiornato con richieste e comunicazioni è “Emergenza animali Ponte Morandi” .

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFebbre del Nilo, quattro morti in Italia. Il virus si diffonde
Prossimo articoloPensioni, ultime notizie: dall'Inps oltre 400 milioni di euro in assegni sociali a lavoratori migranti