Condividi

Emilio Fede rischia 4 anni e 9 mesi di carcere per i “fotomontaggi hot” coi vertici di Mediaset

Quattro anni e nove mesi mesi di carcere. È questa la dura richiesta del pm di Milano, Silvia Perrucci, a carico di Emilio Fede, accusato di estorsione e tentata estorsione per un presunto ricatto ai vertici di Mediaset dopo il suo licenziamento dal Tg4 nel 2012.

Fede, secondo l’accusa, avrebbe chiesto a Gaetano Ferri – suo ex personal trainer – e ad altre due persone di creare fotomontaggi hot, falsi e ad hoc con protagonisti il direttore dell’informazione della rete, Mauro Crippa, e il presidente dell’azienda Fedele Confalonieri.

Attraverso una serie di “pressioni e minacce” – la tesi del pm -, Emilio Fede avrebbe costretto “Crippa, Confalonieri ma anche lo stesso Silvio Berlusconi” a fargli avere “un accordo più vantaggioso con una buonuscita di 820mila euro e un contratto di collaborazione di tre anni”.

Per questo, l’ex direttore del Tg4 – che nel processo è anche accusato di violenza privata per alcune minacce nei confronti di Ferri – rischia ora quattro anni e nove mesi di carcere.

 

MilanoToday

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteGru si ribalta e fa cadere parte viadotto: l'impressionante video
Prossimo articoloCompra un videogioco usato, quando lo apre ci trova una "sorpresa"