Condividi

A poche ore dal termine di un convulso Consiglio europeo, a gelare definitivamente l’Italia e Giuseppe Conte piovono le dichiarazioni di Emmanuel Macron.

“Le regole di diritto internazionale e di soccorso in mare sono chiare: è il Paese sicuro più vicino che deve essere scelto come porto di approdo”

“L’accordo sui migranti raggiunto nella notte tra i Paesi Ue coniuga responsabilità e solidarietà”. Rimarcando però che la responsabilità è “dei Paesi di primo arrivo. Accettiamo la mutualizzazione dell’organizzazione e i finanziamenti europei” e infine concludendo: “I centri di accoglienza nella Ue sono su base volontaria, vanno fatti nei paesi di primo ingresso, sta a loro dire se si candidano ad aprirli”. Sottolineando come “la Francia non sia un paese di primo arrivo”

In sintesi, per il presidente francese l’accoglienza riguarderebbe solo noi, con buona pace dell’ipotesi di riforma del trattato di Dublino.

Risultati immagini per macron

 

“Macron? Era stanco. Lo smentisco”, ha risposto a stretto giro il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nel corso della conferenza stampa al termine del vertice Ue, a proposito dei centri di accoglienza solo nei paesi di primo approdo. Nell’accordo raggiunto “non si fa riferimento a un Paese di primo transito o di secondo transito”, ha precisato Conte, aggiungendo inoltre che nell’articolo 12 sulla riforma di Dublino “siamo tutti d’accordo”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente"Roberto Saviano, basta falsi maestri. Io ho rinunciato alla scorta": ora parla il prete anticamorra Aniello Manganiello
Prossimo articoloAccusati di favori ad armatori: Carabinieri e militari della Guardia Costiera assolti con formula piena