Espulso dall’Italia ben 13 volte è rientrato 13 volte. Ora sarà espulso. Di nuovo.

Espulso ben 13 volte e 13 volte rientrato, è questa l’assurda storia che ci racconta oggi l’Agi.

Dalla rubrica #FarwestItalia – Arrestato dai Carabinieri di Sant’Ilario d’Enza (Reggio Emilia) lo scorso 24 maggio, un uomo di origine albanese era stato rimpatriato con volo dall’aeroporto lombardo di Malpensa e diretto verso l’Albania.

Poco dopo, in meno di due settimane, è però rientrato nel territorio reggiano. L’evidenza di un sistema che non funziona. Ad E.F., queste le iniziali, cittadino albanese 36enne, lo procura ha adesso contestato il rientro illegale.

Anche per questo, è comparso davanti al tribunale. Al momento è stato sottoposto all’obbligo di firma in attesa di una prossima espulsione. Per la misura, è stato indirizzato alla stessa stazione di Sant’Ilario d’Enza.

L’uomo ha sul groppone ben 13 (TREDICI!) decreti di espulsione. I decreti sono stati collezionati dalle prefetture di diverse province: Bologna, Treviso e non ultima Reggio Emilia. In undici casi, è stato predisposto l’accompagnamento coatto alla frontiera. Che però, è evidente, non ha sortito gli effetti sperati.

Denunciato ben 10 volte per il mancato rispetto del decreto, in stato di arresto per reingresso illegale e due volte in stato di libertà per aver violato le misure imposte dal Questore.

Lo scorso maggio il 36enne era uscito dal dalla casa circondariale reggiana dopo una detenzione di otto mesi a causa delle violazioni commesse per il reato di reingresso clandestino sul territorio nazionale.

Una volta uscito, l’uomo era stato accompagnato coattivamente dalle forze dell’ordine a Malpensa per l’esecuzione di una nuova espulsione. Ora siamo da capo..

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche