Condividi

Facebook ha deciso di mettere al bando tutti i contenuti che fanno riferimento al nazionalismo bianco e ai gruppi di suprematisti bianchi. Saranno cancellati da tutte le sue piattaforme, compresa Instagram, lo spiega l’Ansa. La svolta dopo la strage nelle moschee in Nuova Zelanda, il cui autore aveva postato su Twitter ed altri social media un manifesto suprematista, filmando live il massacro su Facebook.

“Non tollereremo lodi o sostegno per il nazionalismo e il separatismo bianchi – spiega la piattaforma in un post ufficiale – Dobbiamo anche migliorare e velocizzare la ricerca e la rimozione dell’odio dalle nostre piattaforme. Negli ultimi anni abbiamo migliorato la nostra capacità di utilizzare l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale per trovare materiale da gruppi terroristici. Lo scorso autunno, abbiamo iniziato a utilizzare strumenti simili per estendere i nostri sforzi a una serie di gruppi di odio a livello globale, inclusi i supremacisti bianchi. Stiamo facendo progressi, ma sappiamo che abbiamo molto più lavoro da fare”.

“I nostri sforzi per combattere l’odio non si fermano qui – aggiunge la piattaforma – Come parte dell’annuncio di oggi, inizieremo anche a collegare le persone che cercano termini associati alla supremazia bianca alle risorse incentrate sull’aiutare le persone a lasciare gruppi di odio. Le persone alla ricerca di questi termini saranno indirizzate a Life After Hate, un’organizzazione fondata da ex estremisti violenti che fornisce interventi di crisi, istruzione, gruppi di supporto e sensibilizzazione”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEmanuela, Erik e Marco sono gli agenti eroi che hanno salvato la vita ad un bimbo che rischiava di morire
Prossimo articoloZucchero a rischio: scatta il ritiro dei lotti dai supermercati. Ecco marca richiamata dal Ministero della Salute e i rischi

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.