Condividi

Allontanavano i bambini dalle famiglie per collocarli in affido retribuito da amici e conoscenti, lo riporta il tgcom24. Per questo diciotto persone legate alla rete dei servizi sociali della Val D’Enza (Reggio Emilia) sono state state raggiunte da misure cautelari. Tra loro politici, medici, assistenti sociali, liberi professionisti, psicologi e psicoterapeuti di una Onlus.

Bimbi sottoposti a un “lavaggio del cervello”

Il quadro che emerge dalle carte racconta un vero e proprio orrore. I bimbi sarebbero stati sottoposti a ore e ore di intensi “lavaggi del cervello” durante le sedute di psicoterapia, e suggestionati anche con l’uso di impulsi elettrici.

Un sistema spacciato ai piccoli come “macchinetta dei ricordi”, che in realtà avrebbe “alterato lo stato della memoria in prossimità dei colloqui giudiziari”.

Giro d’affari di centinaia di migliaia di euro

Nell’inchiesta ribattezzata “Angeli e Demoni” e coordinata dal sostituto procuratore di Reggio Emilia, Valentina Salvi, sono indagate decine di persone. Quello ricostruito dagli investigatori è un giro d’affari di centinaia di migliaia di euro.

Tra i reati contestati ci sono frode processuale, depistaggio, abuso d’ufficio, maltrattamento su minori, lesioni gravissime, falso in atto pubblico, violenza privata, tentata estorsione, peculato d’uso.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSpara a sangue freddo e cerca di uccidere un carabiniere, preso pusher marocchino
Prossimo articoloIn auto con figlio aggrappato al cofano