Il tribunale assolve i nomadi abusivi: “Occuparono per necessità”

Il tribunale assolve i nomadi abusivi: “Occuparono per necessità”

Il tribunale ha assolto sette romeni per l’occupazione della piccola baraccopoli di via Cima a Milano.

E’ accaduto lo scorso Dicembre ed in queste ore sono state depositate le motivazioni.

A rendere noto l’evento (l’occupazione e il successivo sgombero), fu allora la Comunità di Sant’Egidio, che per l’occasione aveva ricostruito l’episodio:

il gruppetto di nomadi si era insediato all’interno di baracche fatiscenti utilizzate come dimora abituale, poi – in occasione dello sgombero del 2015 – agli occupanti era stato contestato il reato di “invasione di terreni ed edifici”.

 

 

Ma gli imputati vennero assolti perché “il fatto non costituisce reato” e il legale che ha difeso i sette durante il processo per conto dell’associazione ha invocato come causa di esclusione della punibilità

“lo stato di necessità, per salvaguardare il diritto fondamentale all’abitazione e per poter così riparare se stessi e le famiglie con bambini,

in assenza di effettive alternative possibili e senza causare danni a nessuno” (perché il terreno su cui sorgevano le baracche era ed inutilizzato).

Maura Sianesi, l’avvocato della Comunità di Sant’Egidio che ha difeso i sette rom durante il processo, ha ricordato come le baracche, costruite su un terreno inutilizzato (anche attualmente),

fossero state costruite dagli imputati per riparare le famiglie con bambini, in assenza di effettive alternative possibili e senza causare danni a nessuno.

Tra gli imputati, un disabile certificato con invalidità al 100%.

In disaccordo Riccardo De Corato, l’ ex vice sindaco di Milano e consigliere regionale di Fratelli d’Italia

“Quindi se uno è povero o, meglio, se uno dichiara di esserlo, può andare a vivere dove gli pare, anche su terreni della comunità.

La difesa a oltranza di nomadi e immigrati, le corsie preferenziali, le scusanti e le agevolazioni ormai sono completamente fuori controllo nella Milano del centrosinistra”



Potrebbero interessarti anche