Fano, muore bagnino per salvare 3 persone dall’acqua

Sua l’enoteca che porta il suo cognome in via Cavour, così come la spiaggia Kendwa avuta qualche anno fa, prima di gestire per due anni con il figlio il ristorante Mocambo al Lido di Fano. La passione per il mare lo ha portato a prendere il patentino di bagnino di salvataggio nell’associazione Maredentro, e da due anni era impiegato nella spiaggia dei campeggi a Torrette di Fano. Un uomo integerrimo, tanto che quando c’è la bandiera rossa ( che viene issata con il mare mosso), non ha mai permesso a nessuno di entrare in acqua, racconta uno dei suoi amici del cuore. “Il nostro lavoro va rispettato – aggiunge uno dei suoi colleghi con le lacrime agli occhi – non è possibile perdere la vita in questo modo”.

Sarà l’autopsia a stabilire l’esatta causa del decesso. Ricci lascia un figlio che vive all’estero e l’ex moglie, oltre che l’attuale compagna. Sulla vicenda procede l’Ufficio Circondariale Marittimo di Fano.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche