Condividi

Non sono cresciuta con il desiderio di intraprendere proprio questo lavoro, di diventare cioè ufficiale dell’Arma dei Carabinieri, ma di una cosa sono sempre stata certa:

volevo impegnarmi in una professione dinamica, a contatto con gli altri e a difesa del benessere del cittadino, tant’è che già alle scuole medie avevo scritto in un tema che da grande avrei voluto diventare una poliziotta.

Ho provato a fare altro, sì, avvicinandomi all’avvocatura che per chi studia giurisprudenza come ho fatto io è una sorta di sbocco naturale, ma non faceva per me.

A 24 anni, in maniera molto consapevole e matura grazie all’esempio di mio padre, ufficiale dei Carabinieri, ho vinto il concorso e dopo due anni di scuola, prima a Velletri e poi a Firenze, sono diventata maresciallo.

Quindi sono stata assegnata a Genova e ad Alassio. Sono stati anni meravigliosi. Infine ho avuto un incarico d’ufficio a Genova per altri 4 anni, ho vinto il concorso da ufficiale e ora comando il Nucleo operativo e la Radiomobile della compagnia di Vimercate“.

Leggi anche:  Lascia figlia a casa sola per festa in spiaggia, denunciata

Il tenente dei Carabinieri Federica Massa, torinese, 35 anni, unisce la dolcezza e la forza di chi ha fatto del proprio essere donna un’arma vincente a favore delle vittime di amori malati e troppo spesso impossibili da lasciare se non grazie a un aiuto esterno competente e concreto.

 

Immagine correlata

 

Un paio di mesi fa, tanto per citare un caso, un’impiegata milanese di 20 anni, senza omettere i particolari più drammatici e scabrosi, ha trovato il coraggio di denunciare solo a lei – un’altra donna, ma anche ufficiale dell’Arma dei Carabinieri – il fidanzato ecuadoriano.

Leggi anche:  Droga, arrestato ex vicesindaco di Lula (Nuoro) Michele Calia

Un extracomunitario con il doppio dei suoi anni, ora finito in carcere a Monza con l’accusa di violenza sessuale aggravata, sequestro di persona, minacce aggravate e violenza privata.

Poco dopo, però, la tenente – che non si occupa solo di reati cosiddetti «di genere», insieme ai suoi collaboratori ha sgominato anche una pericolosa banda di rapinatori di bancomat, malviventi disposti a tutto.

LEggi tutta l’intervista de Il Giornale a Federica Massa

Articolo precedenteErano separati e lui aveva trovato un'altra: moglie uccide il marito in modo atroce
Prossimo articoloSospensione del processo l'uomo che ha sfregiato la faccia e spaccato due denti ad un ispettore della Polizia di Stato