Condividi

Federica morta a soli 20 anni in un terribile incidente, i dubbi sulle cinture

Federica Brollo è morta in un brutto incidente stradale verificatosi Venerdì 8 Dicembre in provincia di Treviso, ad Altivole, lungo la strada provinciale 21

A due giorni di distanza le dinamiche sono state chiarite e da questo si è appreso che forse, la giovane ragazza si sarebbe potuta salvare se solo avesse allacciato la cintura di sicurezza, che come oramai parrebbe accertato, mancava

Ma la strada non perdona le imprudenze, e così la giovane studentessa non c’è più
La certezza matematica non si potrà mai avere, ma la dinamica dell’incidente e il confronto con la ferita che ha causato il decesso della giovane, spingono in quest’unica direzione.

Scrive il corriere in merito a questo episodio: “Attorno alle 5.30 del mattino, di ritorno da una festa in discoteca, il pick up condotto da Francesco Zilio, 21 anni di Asolo, è uscito di strada in via Mure sbattendo contro un palo della luce che ha letteralmente abbattuto e finendo poi capovolto dentro un fossato.

 

 

Il giovane è piombato col torace contro il volante riportando un trauma abbastanza serio. Ma la testa è rimasta intatta.

 

LEGGI ANCHE: Tragedia ad Altivole: auto fuori strada, Federica muore incastrata tra le lamiere. Grave il fidanzato

Federica, a causa del contraccolpo, è invece schizzata contro il parabrezza che ha mandato in mille pezzi”

Le cinture sono lì proprio per impedire questo genere di traumi.

Ecco perchè ci sono ragionevoli sospetti che la sfortunata ragazza quel mattino, durante quel breve tragitto e proprio in quella maledetta circostanza, non l’abbia utilizzata

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMelegatti, la favola di Natale in pericolo: ancora possibili brutte notizie per l'azienda
Prossimo articoloReggia di Caserta, crollato il soffitto nella "stanza delle dame". Presenti decine di visitatori