Condividi

Ascoli Piceno, 16 ottobre 2013 – “Torno a casa più amareggiata di prima”. Così Ambretta Piergiovanni, tifosa della Sampdoria ferita da un razzo di segnalazione otto anni fa, che ha manifestato davanti al Tribunale di Ascoli Piceno contro la lentezza della giustizia. La donna riportò gravi lesioni al volto e ad un occhio il 16 ottobre del 2005, per un razzo sparato da due ultrà al termine di Ascoli-Sampdoria. La causa di risarcimento danni, per 500 mila euro, è ancora in corso: prossima udienza nel 2015. (ANSA)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIn auto con figlio bloccati su binari, salvati da CC
Prossimo articoloStamina, Giudice: sì terapia per 12enne. Scelta di "dignità" e non di "scienza"