Condividi

Il provvedimento, che in realtà risale a inizio anno, ha provocato le critiche di Fratelli d’Italia e Lega Nord. Davide Boni, segretario provinciale del Carroccio milanese, sul suo blog ha scritto: “Ora il politicamente corretto travolge anche la festa del papà.

A questo ennesimo tentativo di distruggere la nostra società, pretendendo di imporre un mondo alla rovescia, dobbiamo rispondere con forza facendo sentire in tutti gli ambiti possibili la nostra voce”.

All’attacco anche l’ex vicesindaco di Milano e capolista di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale alle Comunali 2016 Riccardo De Corato: “Dopo che l’amministrazione arancione ha cancellato ‘mamma’ e ‘papà’ per ‘genitore1’ e ‘genitore2’.

L’assessorato ha precisato che è stata una scelta autonoma delle educatrici, ma la scuola è comunale, non è accettabile che ognuno faccia quello che gli pare”.

fatto quotidiano

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteViaggia a sbafo e fuma in treno, non paga ma chiama l'avvocato
Prossimo articoloI genitori di Luca Varani: "Perdonare gli assassini? No, vogliamo la pena di morte"