Condividi

L’Austria in queste ore è sconvolta per il terribile caso di un padre costretto a rinunciare a vedere in ospedale la figlia a causa dei precetti dell’islam radicale.

A raccontare l’episodio è Il Messaggero, che così spiega il fatto:

“In pratica gli è stato impedito l’ingresso nella stanza in cui si trovava la figlia ventenne, gravemente malata di sclerosi multipla, perché l’altra signora ricoverata – una musulmana radicale – non desiderava la presenza di un uomo in camera.

Il precetto religioso della paziente ha così impedito al signor Robert Salfenauer di salutare la figlia Chiara, nonostante fosse presente una tenda divisoria tra i due letti.

 

Non appena la signora con il velo, osservante del precetto più rigoroso, si è accorta che nella stanza era presente un uomo ha iniziato a urlare e nulla è valso per farla tranquillizzare.

In una intervista il signor Robert Salfenauer ha spiegato di essere stato costretto ad uscire dalla stanza.

Per parlare un po’ con la figlia si è fermato sulla soglia, restando nel corridodio, ma anche in questo caso la paziente islamica ha richiesto l’intervento degli infermieri.

Per non compromettere la tranquillità che richiede la permanenza in ospedale Salfenauer, accompagnato dalla moglie, ha deciso di uscire dalla stanza e rinunciare a tenere la mano alla figlia”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl volto bello dell'Italia: Ania, giovanissima e fiera ha giurato fedeltà alla Patria
Prossimo articoloIl messaggio commovente del fratello del gendarme eroe "Arnaud, fratello mio.."