L’ultimo saluto a Fabrizio Frizzi. Lacrime, pianti, applausi, folla e maxi-schermi a Roma

Roma dà il suo ultimo saluto a Fabrizio Frizzi. Il ragazzo gentile della tv si è spento lunedì scorso dopo una emorragia cerebrale

“Perdiamo un amico e un fratello. Glidiciamo addio e arrivederci. Lui ha ora raggiunto i suoi cari”. Così aprendo i funerali di Fabrizio Frizzi, don Walter Insero, che officia la cerimonia nella Chiesa degli Artisti.

“In Rai mi hanno confidato che negli ultimi mesi lo chiamavano il combattente con il sorriso. Il sorriso era la sua forza”.

L’arrivo del feretro è stato salutato da un lungo applauso delle migliaia di persone che sono in Piazza del Popolo all’arrivo del feretro all’ingresso della Chiesa degli Artisti.

 

 

C’è chi si è fatto il segno della croce e chi, in molti, hanno cominciato a correre avvicinandosi alla chiesa.

Il presentatore televisivo è morto nella notte tra il 25 e il 26 marzo a causa di un’emorragia cerebrale.

Un lungo applauso è stato tributato all’arrivo del feretro all’ingresso della chiesa. La gente, in lacrime, ha salutato Frizzi urlando ‘Fabrizio-Fabrizio’.

Migliaia le persone che hanno affollato la piazza e la Chiesa. In molti hanno ripetuto, come un mantra, “per noi era come un fratello”. Un grande maxi schermo è stato allestito per permettere a tutti i fan di seguire in diretta la cerimonia.

 

 

Tra le tante corone quelle de ‘gli amici di Sky’, ‘gli amici dei Fatti Vostri’ e dei ‘condomini di via Cortina d’Ampezzo’.

In chiesa anche Carlo Conti che ha ricordato il conduttore con un “Ciao Fratello”.

Commosso anche il ricordo di Leonardo Pieraccioni che prima di entare nella chiesa degli Artisti ha affermato: “Bisogna dirgli addio ma avendolo sempre nel cuore”.

L’arrivo della salma del conduttore è stato accolto da un lunghissimo applauso.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche