Foto: Roma Today
Condividi
Foto: Roma Today
Foto: Roma Today

Roma, 11 dicembre 2013 – ”Faremo di tutto per assicurare la manifestazione pacifica di chi vuole protestare. Metteremo tutta la forza dello Stato contro i violenti”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano lasciando la Corte dei conti. “Abbiamo segnali chiari da parte dell’intelligence, non sto qui ad aggettivare le ali estreme di questo movimento ma certamente abbiamo gli occhi su di loro e sappiamo cosa fare se esagereranno”. Manifestanti bloccano Metro B e ferrovia Roma-Lido Il servizio della linea B della metro e della Roma-Lido e’ stato interrotto nei pressi della stazione Garbatella. Il blocco dei treni – spiega una nota dell’Agenzia per la mobilita’ capitolina – e’ dovuto all’occupazione dei binari da parte di un gruppo di manifestanti. Sulla metro B i treni viaggiano tra Laurentina e Magliana e tra Castro Pretorio e Rebibbia. La Roma-Lido invece e’ attiva tra Magliana e Cristoforo Colombo. Continua anche in provincia di Latina la protesta organizzata dai presidi lungo la via Appia, all’altezza di Terracina e lungo la Pontina sempre nei territori di Latina. Decine di camion e trattori si sono messi in marcia lentamente lungo le due arterie in direzione sud provocando grande disagio alla circolazione stradale e pesanti rallentamenti. Manifestanti sui binari della stazione di Bisceglie Un gruppo di manifestanti aderenti al movimento dei ‘Forconi’ sta bloccando dalle 10,15 i binari della stazione ferroviaria di Bisceglie, causando il blocco della linea. I treni , pertanto, sono stati fatti fermare nelle stazioni di Trani, Molfetta, Giovinazzo e Barletta.
Prosegue presidio davanti Montecitorio Prosegue il presidio di protesta davanti Montecitorio. Al momento i manifestanti sono un centinaio oltre le transenne poste dalle forze dell’ordine. La situazione e’ tranquilla e circa sei manifestanti hanno deciso di sedersi a terra in segno di protesta.
“Quello che vedete e’ quello che e’ rimasto dell’Italia, vergognatevi”. E’ uno dei cartelli esposti dai partecipanti al sit-in. “Via i nominati dal Parlamento – ha detto uno dei manifestanti al megafono – ci sono degli abusivi che siedono nelle commissioni e che ci tartassano”. “Andiamo subito al voto – ha detto un altro manifestante – si devono dimettere. Non e’ vero che non possiamo andare a votare senza una nuova legge elettorale”. (AGI)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteForconi: tafferugli a Milano coi tifosi dell'Ajax
Prossimo articoloBadante prende a schiaffi anziana e figlia, arrestata