Condividi

Nella notte tra giovedì e venerdì i carabinieri di Reggio Calabria e Cosenza hanno arrestato il latitante Francesco Strangio, definito dagli stessi militari “pericoloso”. Strangio, in fuga da un anno, è stato rintracciato a Rose, piccolo centro del Cosentino. Si nascondeva in un appartamento all’ultimo piano di un condominio nel centro abitato.

Pluripregiudicato ritenuto contiguo alla cosca Strangio-Janchi di San Luca, Strangio deve ora scontare 14 anni per narcotraffico internazionale, per aver negoziato e gestito l’importazione di ingenti quantità di cocaina dal Sudamerica. Nell’operazione sono stati impiegati anche i carabinieri dello squadrone Cacciatori di Vibo Valentia.

Le indagini hanno permesso di constatare come i membri dell’organizzazione disponessero di basi logistiche e appoggi in tutta Italia e nei principali Paesi europei, quali Germania, Olanda e Belgio, per assicurare l’ingresso e lo smistamento dei carichi di cocaina in Europa. In particolare Strangio, in collaborazione con Bruno Pizzata, vertice dell’organizzazione che attualmente sta scontando in carcere una condanna a 30 anni, ha personalmente preso parte alle trattative d’acquisto con i narcos sudamericani e ha organizzato i trasferimenti dello stupefacente a bordo di navi cargo con carichi di copertura in diversi porti del nord Europa.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteStrage silenziosa tra le forze dell'ordine: nasce l'osservatorio suicidi forze polizia
Prossimo articoloPortata via da Brescia e uccisa in Pakistan: assolti padre, zio e fratello