Condividi

Frutta a fine pasto, ecco perchè non si dovrebbe mangiare

Consumare la frutta subito dopo i pasti principali (pranzo e cena) è un’abitudine alquanto diffusa, sebbene non sia del tutto salutare per il nostro organismo. Mangiata dopo i pasti, infatti, la frutta può essere una delle cause primarie del tanto temuto gonfiore di stomaco.

La frutta, infatti, fermenta indisturbata all’interno dello stomaco, formando molti gas e provocando spesso atroci fitte dolorose alla pancia e all’intestino crasso. Restando fin troppo a lungo nello stomaco e poi nell’intestino, subisce una fermentazione ed una decomposizione batterica, la quale può innescare la fermentazione degli amidi.

Leggi anche:  La pasta non fa ingrassare, e' parte di una dieta sana. Uno studio "ha basso indice glicemico"

Dopo aver mangiato carboidrati complessi (pasta, pane, vari prodotti da forno) e/o proteine (carne, pesce, uova, formaggi), andare ad aggiungere anche la frutta (zuccheri) va soltanto ad aggravare la digestione di per sè già difficoltosa. L’apparato digerente si ritrova a dover impegnarsi nell’elaborazione di tutti questi composti chimici organici differenti fra loro.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVisite fiscali, dai controlli alle fasce orarie: tutte le novità della riforma
Prossimo articoloCrediti tributari: si prescrivono tutti in cinque anni