Condividi

Appena ieri annunciavamo il lutto per la famiglia delle forze dell’ordine che ha coinvolto Polizia di Stato e Carabinieri, con la scomparsa improvvisa di Roberto Pennisi, agente del Reparto Prevenzione Crimine di Catania e Marco Licata, un Appuntato in servizio a Vercelli, divenuto papà da appena un mese.  I funerali di Marco Licata sono stati celebrati in giornata e subito ci giunge una nuova terribile notizia, sempre dal web

Un lutto si è infatti abbattuto anche sui Vigili del Fuoco di Pisa

Sono ancora sconvolti i colleghi di Gabriele Bacci, scomparso nella giornata di ieri, martedì 14 maggio.

Il lutto è stato reso pubblico in una nota indirizzata ai giornali localiGabriele Bacci, 46 anni, dopo un lunghissimo percorso come vigile discontinuo nel comando di Pisa era riuscito finalmente a coronare il suo sogno, diventare vigile del fuoco permanente, era il 31 dicembre 2016 quando varcò l’ingresso delle Scuole Centrali Anticendi a Roma per affrontare il corso di formazione professionale

Uscito da Roma aveva avuto come destinazione il comando di Parma per poi arrivare al comando di Pistoia, finalmente nella sua Toscana”

Gabriele Bacci aveva scoperto la malattia che lo avrebbe strappato alla vita, appena nell’ottobre 2018. Ieri il tragico epilogo

Gabriele era una persona buona, altruista, aveva scelto di fare della sua passione un lavoro. Gabriele aveva famiglia, lascia un bimbo di appena quattro anni

“Ti porteremo sempre nei nostri cuori. Grazie per tutto ciò che hai fatto per questa divisa: la tua devozione, la tua disponibilità il tuo amore profondo per il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Ciao caro Amico” hanno scritto i Vigili del Fuoco

LEGGI ANCHE: e forze dell’ordine piangono Roberto Pennisi e Marco Licata, strappati ai loro cari troppo giovani: addio a due guerrieri

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteScuola. Cassazione: professore è un pubblico ufficiale, insultarlo è reato
Prossimo articoloCerca di uccidere un Carabiniere, era già stato espulso. Condannato a 14 anni