“Nessun errore nella caccia a Igor”: parla il Generale dei Carabinieri Tullio Del Sette

“Nessun errore nella caccia a Igor”. E’ la sintesi di quando affermato da Tullio Del Sette, Generale dell’Arma dei Carabinieri, come raccontato da BolognaToday.

“Nessun errore nella caccia a Igor”: parla il Generale dei Carabinieri Tullio Del Sette

Del Sette ha risposto senza problemi alle domande dei giornalisti, nel corso di una cerimonia tenutasi a Castel Maggiore.

Il caso di “Igor il Russo” che ha tenuto l’Italia intera con il fiato sospeso per mesi e mesi

tornato sulle prime pagine dei giornali recentemente dopo un attacco, oseremmo dire frontale, da parte della Polizia, rispetto alla gestione di tutte le operazioni.

Gli organi della Polizia infatti si sarebbero lamentate della mancanza di notizie da parte dei colleghi con le stellette

Non ci dicevano niente, apprendevamo le notizie dai giornali“.

Un vero peccato, se fosse vero, dal momento che anche su queste pagine abbiamo spesso raccontato brillanti operazioni interforze.

Perchè le nostre forze dell’ordine, unite, possono fare grandi cose. Purtroppo, però, a volte interessi di amministrazioni diverse, se così vogliamo limitarci a dire, possono prendere il sopravvento.

 

FOTO DI BOLOGNATODAY

 

Tornando al killer di Budrio, secondo alcune indiscrezioni di stampa dopo l’omicidio del barista Davide Fabbri, tra polizia e carabinieri non ci fu alcun tipo di comunicazione.

Ed erano quelli i giorni in cui probabilmente sarebbe stato davvero possibile catturare l’assassino in fuga.

Gli uomini del comando provinciale di Ferrara “durante le riunioni del Comitato per l’ordine e la sicurezza secondo Repubblica non condivisero le informazioni con le altre forze dell’ordine” si legge sul Today.

Non credo siano stati fatti errori – ha detto il Generale dell’Arma Del Sette. – c’è stata sorpresa all’inizio ma tutto quello che è stato fatto è stato fatto con assoluta professionalità“.

Il generale era a Castel Maggiore per la posa della prima pietra del polo sicurezza e ha risposto alle domande sulle dichiarazioni di Francesca Verri, figlia di Valerio, la guardia ecologica volontaria uccisa nel Ferrarese, secondo la quale “se fossero state adottate le dovute precauzioni, quello che è successo si sarebbe potuto evitare“.

E’ giusto che ciascuno esprima i propri punti di vista, e soprattutto chi è stato toccato negli affetti in maniera così dolorosa possa pensare che sarebbe stato possibile impedirlo. E’ difficile dirlo, ma dobbiamo accettare questo con grande umiltà e dolore”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche