Genitori musulmani chiedono carne halal nella mensa scolastica: scoppia la polemica

Mense scolastiche, ancora proteste

A far discutere questa volta è stata la richiesta di alcuni genitori bengalesi un menù alternativo a base di carne halal – che vuol dire “lecita”, macellata cioè secondo i dettami del Corano – per i loro figli.

Succede a Mestre. La richiesta, avanzata durante il colloquio tra genitori e insegnanti ha scatenato come prevedibile diverse polemiche, soprattutto tra i leghisti.

La proposta della preside

“I genitori potrebbero fare richiesta per un menù privo di carne magari inserendola nel modulo di iscrizione. In questo modo i bambini potrebbero integrare la carne durante la cena”. Nonostante le classi dell’istituto siano composte per il 60% di bambini di origine straniere, la preside fa sapere che “al momento la scuola non è in grado di garantire carni di tipo halal”.

La Lega: “Questa non è integrazione” – Il partito di Matteo Salvini ha avanzato forti proteste alla richiesta dei genitori bengalesi: “Siamo davvero all’apoteosi dell’assurdo – ha commentato il deputato Alex Bazzaro – Quanto sta accadendo alla scuola Cesare Battisti è davvero vergognoso”.

Bazzaro continua definendo “dannoso” un menù musulmano perché “è tutto tranne che un segno di integrazione. Una deroga per esigenze mediche si può comprendere, ma non voler accettare gli usi e costumi della nostra cucina è inaccettabile: chi sceglie l’Italia sposa le nostre tradizioni”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche