Genova, la digos ha individuato e denunciato 26 manifestanti

Genova – Alla fine i manifestanti denunciati per gli scontri di Genova sono in totale 26. Questo il risultato delle indagini (in tempi record) da parte della Digos genovese in seguito ai  disordini scoppiati la scorsa settimana nel corso della manifestazione contro il comizio di Casapound in piazza Marsala.

La notizia di reato è stata consegnata questa mattina al sostituto procuratore Gabriella Dotto che, oltre all’ indagine contro i manifestanti, si occupa anche di quella contro i poliziotti che hanno picchiato il giornalista Stefano Origone e che vede al momento 3 agenti indagati per lesioni aggravate.

I manifestanti sono accusati a vario titolo di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, travisamento, lancio pericoloso di oggetti. Tra i denunciati anche i due uomini che erano stati arrestati nel corso degli scontri e poi rilasciati con obbligo di firma al termine dell’udienza per direttissima.

LEGGI ANCHE: scontri a Genova, il SAP “la lettera che Repubblica non ha pubblicato”

Nel frattempo, nelle scorse ore due dei quattro agenti del Reparto Mobile interessati dalle indagini sul caso Origone hanno ammesso di avere colpito il giornalista ddurante gli scontri di Genova, mentre altri due hanno detto di non aver partecipato direttamente, ma di avere visto la scena solo alla fine.

I quattro si sono presentati spontaneamente in procura, con i loro difensori Paolo Costa, Aldo Nappi e Rachele De Stefanis.

Nel mirino della procura ci sarebbero anche altre due persone. Di tutta la vicenda, ci sarà da capire quale dinamica abbia causato le lesioni al giornalista e, nel caso in cui le lesioni fossero riconducibili all’uso di manganello, se l’uso dello stesso sia stato o meno legittimo e quali ferite siano eventualmente imputabili ad altri gesti non direttamente associabili ad un legittimo uso della forza .

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche