Gentiloni, siamo grandi ma più ottimismo

Premier si rivolge così agli studenti di Cagliari.

“Dobbiamo essere tutti insieme un po’ più ottimisti, so che è difficile, ma siamo un Paese di risorse, qualità e capacità straordinarie”. Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha salutato gli studenti del Liceo Siotto di Cagliari, dove con il sindaco Massimo Zedda ha firmato un protocollo per la riqualificazione del quartiere periferico di Sant’Avendrace. Ad attenderlo nell’Aula magna del Liceo c’erano circa trecento studenti.

Il premier è sbarcato in Sardegna per siglare con il primo cittadino di Cagliari la convenzione sul progetto “Programma straordinario per la riqualificazione urbana e la sicurezza del quartiere di Sant’Avendrace”. Prima di approdare al Siotto ha seguito il sindaco in un breve tour nelle strade più vicine con tappa alla “Grotta della vipera”.

“Questa è la prima di 120 firme che riguardano la riqualificazione di quartieri delle nostre città – ha detto Gentiloni – sinora sono stati finanziati 24 progetti, gli altri lo saranno nelle prossime settimane. È un investimento in parte pubblico, in parte privato”. Il senso dell’impegno del governo è quello di “evitare la distruzione delle periferie dove invece, come dice Renzo Piano, bisogna fare un’operazione di ricucitura, lavorando su ciò che già esiste, rendendole migliori”, ha sottolineato il premier.

Fonte Ansa

Cagliari, 19 febbraio 2017